Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

COOKIE POLICY

Informativa estesa sui cookie del sito www.ticinoconsorzio.it

Titolare del trattamento
Il Titolare del trattamento è Consorzio del Ticino con sede legale in Corso di Porta Nuova, 18, 20121 Milano in persona
del Direttore Unico. I dati di contatto del Titolare del trattamento sono: tel. (+39) 02 29004722 regolazione@libero.it
Il sito utilizza cookie per rendere più semplice ed efficiente l’esperienza di navigazione per l’Utente che visiona le pagine.
Dunque, verranno inserite delle informazioni minime nel dispositivo usato dall’utente nelle directory utilizzate dal browser
web utilizzato. Esistono diversi tipi di cookie che variano la loro funzionalità in base anche alle diverse attività presenti
nel sito.


Cosa sono i cookie
I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli Utenti inviano ai loro terminali, dove vengono memorizzati per
essere ritrasmessi agli stessi siti in occasione di visite successive. I cookies hanno caratteristiche diverse e possono
essere utilizzati sia dal titolare del sito che si sta visitando, sia da terze parti.
Per maggiori informazioni sui cookie e sulle loro funzioni generali, visita un sito Web informativo come
www.allaboutcookies.org.


Tipologia dei cookie
Temporanei – vengono cancellati ogni volta che si chiude la sessione di navigazione
Persistenti – rimangono in memoria fino alla data di scadenza impostata


I cookie si dividono in diverse categorie:

Cookie di navigazione, tecnici e local storage
Questi cookies sono creati al primo accesso e permettono al sito di funzionare correttamente permettendo all’Utente di
visualizzare al meglio i contenuti del sito sul dispositivo utilizzato. La loro disattivazione potrebbe comportare un’errata
visione del sito o non permettere l’interazione ed il caricamento di alcune sue parti.
Localstorage è una tecnologia utilizzata per ottimizzare la navigazione, che non raccoglie dati sulle preferenze
manifestate dall’utente (p.es. memorizza un codice che identifica la sessione dell’utente dopo il login, per evitare che
l’utente debba inserire username e password in ogni pagina del profilo nell’accesso alle aree riservate).

Cookie funzionali
Questi cookies permettono di riconoscere l’Utente in visite successive sullo stesso sito, memorizzando alcuni dati in
modo tale da offrire un’esperienza di navigazione maggiormente orientata all’User Experience. Questi cookies migliorano
la qualità e l’esperienza di navigazione.

Cookie Analitici
Questi cookies sono utilizzati per realizzare analisi statistiche in relazione all’uso del sito. Questi cookie possono essere
anonimi, quindi vengono raccolti dati statistici aggregati in relazione all’uso del sito da parte degli Utenti (in tal caso essi
diventano cookies tecnici), oppure non anonimizzati che permettono la raccolta di dati profilanti sull’Utente. Questi
cookies non anonimizzati richiedono il consenso dell’Utente prima di essere installati.

Cookie Pubblicitari
Cookie di Targeting pubblicitario – questi cookies sono utilizzati per inviare messaggi commerciali in base alle scelte
ed alle preferenze manifestate durante la visita del sito. Sono utilizzati anche per mostrare prodotti simili rispetto a quelli
che l’Utente ha visualizzato in precedenza.

Cookie di Retargeting pubblicitario – questi cookies permettono di riproporre l’offerta commerciale sui prodotti che
l’Utente ha visualizzato su siti web affiliati.
Questi cookies richiedono il consenso dell’Utente prima di essere installati.

Widget e plugin di Social Network
Questi cookies permettono all’Utente l’interazione tra il sito visitato ed il Social Network. In relazione ai cookies da questi
installati, si prega di fare riferimento alla cookie policy del Social per ottenere maggiori informazioni.

Gestione dei cookie attraverso il browser
Per approfondire le modalità con cui il browser memorizza i cookies, l’Utente può visitare i seguenti link sui siti dei
fornitori:
Mozilla firefox https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie
Google Crome https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
Internet Explorer http://windows.microsoft.com/it-it/windows-vista/block-or-allow-cookies
Safari 6/7 Mavericks https://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT&locale=it_IT
Safari 8 Yosemite https://support.apple.com/kb/PH19214?viewlocale=it_IT&locale=it_IT
Safari su iPhone, iPad, o
iPod touch

https://support.apple.com/it-it/HT201265

Lì, 05/09/2019

Le Antiche Utenze

Tra le "Antiche Utenze", ovvero quelle realizzate entro il XVII secolo, il Naviglio Grande costituisce la più antica: iniziato nel 1179, dopo la battaglia di Legnano, derivato in sponda sinistra del Ticino all'altezza di Tornavento, subito a valle dell'attuale ponte di Oleggio, si spingeva in origine, con il nome di Ticinello, sino ad Abbiategrasso. Nel 1231 fu prolungato sino a Gaggiano e nel 1256 a Milano. Ampliato una prima volta verso il 1270 per la navigazione, venne nuovamente ampliato a tale scopo nel 1386, quando si decise la costruzione del Duomo di Milano, per la quale occorreva trasportare il marmo proveniente dalla Piarda di Candoglia. In tale epoca il Naviglio aveva una portata di 1334 once, pari a circa 51,42 mc/sec, mentre la sua attuale portata di competenza - normalmente non più derivata direttamente dall'incile originario, ma dal canale Industriale a Turbigo - è di 60 mc/sec.

In epoca successiva, tra la fine del Trecento e l'inizio del Quattrocento, il Comune di Vigevano diede l'avvio alla costruzione di un naviglio (ove il termine naviglio non sta necessariamente a indicare un canale navigabile, ma viene estensivamente utilizzato come appellativo per un canale di grandi dimensioni), derivato dal Ticino presso Romentino, detto appunto Naviglio di Vigevano. Il Canale, denominato allora Naviglio sforzesco, venne terminato nel 1480 da Lodovico il Moro e donato, in unione ai terreni costituenti la tenuta sforzesca di Vigevano, ai religiosi di S. Maria delle Grazie nel 1498. La portata di competenza di tale naviglio è 9,42 mc/sec e la portata residua nel fiume Ticino a valle delle filarole che ne sottendono la derivazione - sulla base degli attuali riconoscimenti, concessioni o autorizzazioni dal fiume e prescindendo dalle derivazioni nell'alveo del fiume - risulta essere maggiore o uguale a 17 mc/sec.

Nel 1466, poi, Francesco Sforza concesse licenza ad Agostino Beccaria di derivare una roggia dal Ticino in prossimità di Vigevano, per condurla nei suoi possedimenti di Borgo San Siro. Alla morte del Beccaria, la roggia, denominata Castellana, passo per successione all'Ospedale S. Matteo di Pavia, a cui venne riconfermata da Bona e Galeazzo Maria Sforza nel 1479. Successivamente prolungata, tale roggia, lungo un percorso di circa 30 chilometri e con una portata di competenza pari a 9,8 mc/sec, irriga buona parte dei terreni vallivi latistanti la sponda destra del Ticino, dal territorio di Vigevano fino a quello di S. Martino Siccomario in prossimità di Pavia. Immediatamente a valle della sua derivazione, sostenuta da una serie di filarole realizzate in materiale sciolto, grazie anche alle risorgenze presenti in alveo, defluisce costantemente una portata ben superiore a 20 mc/sec, che a Bereguardo cresce sino al oltre 50 mc/sec.

Sempre tra il Trecento e il Quattrocento venne derivata in sponda destra Ticino, nella zona detta Campo dei Fiori, poco a valle dell'attuale diga del Panperduto, la roggia molinara di Oleggio. Tale "cavata d'acqua" venne regolamentata da una patente dell'8 giugno 1493 di G. Galeazzo Maria Sforza per una competenza di 28 rodigi, pari a circa 7,4 mc/sec. In epoca recente venne concesso al Comune di Oleggio, con RR.DD. del 1928 e del 1937 rinnovati con D.M. del 1991, di derivare una portata ridotta a 6 mc/sec per uso agricolo e per produzione di energia elettrica.

Il Naviglio Langosco, tra le "antiche utenze" del Ticino, è l'ultima, in ordine di tempo, a essere stata eseguita e la maggiore in sponda destra. Venne ultimato nel 1629 dopo che il conte Guido Langosco aveva ottenuto da Filippo III, re di Spagna, il 29 maggio 1613, il diritto perpetuo di estrarre dal fiume 24 rodigi, ossia 144 once milanesi (4,97 mc/sec), mediante "naviglio" avente inizio nell'agro Novarese tra Cameri e Galliate. Dopo alterne vicende fu completato - sino al termine attuale, in territorio di Trumello, con un  percorso di 43 chilometri - solo nel 1665. Nel 1903 venne poi concesso al Langosco di derivare quella che é ancora oggi la sua portata di competenza, pari a 22,7 mc/sec (4,5 volte rispetto alla concessione del 1613). Tale portata, prima di essere derivata mediante filarola dalle utenze Langosco e centrale idroelettrica del Treccione (ora S.I.S.), viene "riconsegnata" all'alveo del fiume Ticino dal Canale Industriale - che l'aveva derivata in corrispondenza della diga del Panperduto - tramite il "Canale in regresso".

 

© CONSORZIO DEL TICINO - Corso di Porta Nuova, 18 - 20121 MILANO

Powered by: Hortus srl

Visite agli articoli
512490