Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

COOKIE POLICY

Informativa estesa sui cookie del sito www.ticinoconsorzio.it

Titolare del trattamento
Il Titolare del trattamento è Consorzio del Ticino con sede legale in Corso di Porta Nuova, 18, 20121 Milano in persona
del Direttore Unico. I dati di contatto del Titolare del trattamento sono: tel. (+39) 02 29004722 regolazione@libero.it
Il sito utilizza cookie per rendere più semplice ed efficiente l’esperienza di navigazione per l’Utente che visiona le pagine.
Dunque, verranno inserite delle informazioni minime nel dispositivo usato dall’utente nelle directory utilizzate dal browser
web utilizzato. Esistono diversi tipi di cookie che variano la loro funzionalità in base anche alle diverse attività presenti
nel sito.


Cosa sono i cookie
I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli Utenti inviano ai loro terminali, dove vengono memorizzati per
essere ritrasmessi agli stessi siti in occasione di visite successive. I cookies hanno caratteristiche diverse e possono
essere utilizzati sia dal titolare del sito che si sta visitando, sia da terze parti.
Per maggiori informazioni sui cookie e sulle loro funzioni generali, visita un sito Web informativo come
www.allaboutcookies.org.


Tipologia dei cookie
Temporanei – vengono cancellati ogni volta che si chiude la sessione di navigazione
Persistenti – rimangono in memoria fino alla data di scadenza impostata


I cookie si dividono in diverse categorie:

Cookie di navigazione, tecnici e local storage
Questi cookies sono creati al primo accesso e permettono al sito di funzionare correttamente permettendo all’Utente di
visualizzare al meglio i contenuti del sito sul dispositivo utilizzato. La loro disattivazione potrebbe comportare un’errata
visione del sito o non permettere l’interazione ed il caricamento di alcune sue parti.
Localstorage è una tecnologia utilizzata per ottimizzare la navigazione, che non raccoglie dati sulle preferenze
manifestate dall’utente (p.es. memorizza un codice che identifica la sessione dell’utente dopo il login, per evitare che
l’utente debba inserire username e password in ogni pagina del profilo nell’accesso alle aree riservate).

Cookie funzionali
Questi cookies permettono di riconoscere l’Utente in visite successive sullo stesso sito, memorizzando alcuni dati in
modo tale da offrire un’esperienza di navigazione maggiormente orientata all’User Experience. Questi cookies migliorano
la qualità e l’esperienza di navigazione.

Cookie Analitici
Questi cookies sono utilizzati per realizzare analisi statistiche in relazione all’uso del sito. Questi cookie possono essere
anonimi, quindi vengono raccolti dati statistici aggregati in relazione all’uso del sito da parte degli Utenti (in tal caso essi
diventano cookies tecnici), oppure non anonimizzati che permettono la raccolta di dati profilanti sull’Utente. Questi
cookies non anonimizzati richiedono il consenso dell’Utente prima di essere installati.

Cookie Pubblicitari
Cookie di Targeting pubblicitario – questi cookies sono utilizzati per inviare messaggi commerciali in base alle scelte
ed alle preferenze manifestate durante la visita del sito. Sono utilizzati anche per mostrare prodotti simili rispetto a quelli
che l’Utente ha visualizzato in precedenza.

Cookie di Retargeting pubblicitario – questi cookies permettono di riproporre l’offerta commerciale sui prodotti che
l’Utente ha visualizzato su siti web affiliati.
Questi cookies richiedono il consenso dell’Utente prima di essere installati.

Widget e plugin di Social Network
Questi cookies permettono all’Utente l’interazione tra il sito visitato ed il Social Network. In relazione ai cookies da questi
installati, si prega di fare riferimento alla cookie policy del Social per ottenere maggiori informazioni.

Gestione dei cookie attraverso il browser
Per approfondire le modalità con cui il browser memorizza i cookies, l’Utente può visitare i seguenti link sui siti dei
fornitori:
Mozilla firefox https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie
Google Crome https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it
Internet Explorer http://windows.microsoft.com/it-it/windows-vista/block-or-allow-cookies
Safari 6/7 Mavericks https://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT&locale=it_IT
Safari 8 Yosemite https://support.apple.com/kb/PH19214?viewlocale=it_IT&locale=it_IT
Safari su iPhone, iPad, o
iPod touch

https://support.apple.com/it-it/HT201265

Lì, 05/09/2019

Il consorzio

La storia del Consorzio del Ticino comincia ufficialmente nel 1928, ben prima della costruzione e dell’entrata in esercizio dello sbarramento della Miorina. Il dibattito sull’opportunità di un’opera di regolazione del lago Maggiore risale però a tempi ancora più remoti: nel 1800 coinvolgeva già tecnici ed opinionisti in appassionate discussioni, ma se ne trovano cenni anche in epoche precedenti. Tra tutte meritano di essere ricordate le osservazioni del Lombardini del 1861: "Uscendo i principali fiumi delle Lombardia, tributari del Po, da quei laghi, e derivandosene in maggiore o minore misura le acque per la irrigazione, è naturale che, al fine di estendere queste, sorga l’idea di convertire i laghi stessi in serbatoi artificiali, onde aumentare la copia delle acque irrigue. Volendo ottenere un tale effetto senza elevare il livello delle piene a danno delle loro adiacenze, due modi sarebbero praticabili e cioè: 1) lasciare inalterato il fondo dell’emissario ed escavarvi lateralmente un canale che permetta di abbassare il pelo dell’acqua di magra; 2) abbassare il livello o fondo dell’emissario, e tenere fino ad un dato limite invasate con chiusure a porte mobili le acque esuberanti, onde utilizzarle in stagione opportuna".

La realizzazione dell’opera di regolazione del lago Maggiore venne portata a termine soltanto settantacinque anni dopo la pubblicazione di questo scritto del Lombardini, quando molti dei problemi tecnici poterono essere risolti agevolmente, ma soprattutto quando si verificarono le condizioni per superare altre complesse problematiche politico-economiche fra i rivieraschi.

L’utilizzazione del Verbano come serbatoio, regolato all’incile del suo emissario, presentava infatti una singolare difficoltà in quanto parte delle sponde del bacino lacustre ricadono nel territorio della Confederazione Elvetica, che ha sempre guardato con una certa preoccupazione i progetti di regolazione delle acque tesi al beneficio dei territori italiani a sud del lago.

 

    

 

Negli anni venti, dopo la faticosa ripresa del primo dopoguerra, si realizzarono le condizioni politico-economiche per un rilancio delle iniziative a favore dell’agricoltura. Così, nel 1923, per iniziativa dell’avvocato Sileno Fabbri, energico e lungimirante Presidente della Provincia di Milano, venne costituito un Consorzio volontario tra le province di Milano, Novara e Pavia per la promozione di un piano di regolazione del lago Maggiore e di utilizzazione irrigua ed industriale delle acque del Ticino. La precisazione delle funzioni di tale organismo, che poi diventò il Consorzio del Ticino, la definizione degli obiettivi della regolazione, la costruzione della traversa e la sua entrata in esercizio hanno infatti richiesto molti anni, venti per l’esattezza, durante i quali il piano globale è stato formulato, perfezionato, criticato, osteggiato ed infine realizzato.

Tra le diverse soluzioni operative prospettate nei primi anni di vita del Consorzio interprovinciale, il piano di regolazione con il progetto di massima dell’opera elaborati dal Prof. Gaudenzio Fantoli, profondo conoscitore del regime idraulico del Lago Maggiore, risultò essere quello più completo, atto a superare le difficoltà tecniche e ad attenuare le controversie tra gli utenti.

 

I punti fondamentali fissati dal Fantoli nel progetto di massima dell’opera di regolazione (1924) furono i seguenti:

 

  1. - le opere da costruire all’incile del Ticino dovevano avere esclusivamente la funzione di regolazione del lago, ben distinta dallo sfruttamento industriale del primo tronco di fiume;

  2. - la regolazione del lago Maggiore doveva essere contenuta tra i limiti +1.00 e -0.50 m dell’idrometro di Sesto Calende;

  3. - la derivazione del lago regolato doveva permettere d’introdurre nel fiume fino a 200 m3/s anche negli stati depressi dallo svaso lacuale, in modo da mettere a disposizione dell’agricoltura e dell’industria fino ad un massimo di 255 m3/s nella stagione estiva ed, in media, 150 m3/s in quella invernale;

  4. - non si doveva alterare in maniera apprezzabile, anzi conseguire un modesto, ma sicuro miglioramento del regime di piena del lago Maggiore e del fiume Ticino, così che fossero rispettati nel modo più assoluto i grandi interessi costituiti.

Ormai maturati i tempi, nel 1928 venne ufficialmente costituito il Consorzio del Ticino, erede del Consorzio interprovinciale, con finalità di costruzione, manutenzione ed esercizio dell’opera regolatrice del lago Maggiore.

© CONSORZIO DEL TICINO - Corso di Porta Nuova, 18 - 20121 MILANO

Powered by: Hortus srl

Visite agli articoli
528549